Esegui la ricerca

Proloco di Lurate Caccivio

Benvenuti

Benvenuti nel sito web dell’ Associazione Pro Loco di Lurate Caccivio. Nostro compito presentare a voi visitatori il nostro paese e tutte le sue bellezze, nonchè gli eventi che si svolgeranno durante l’anno organizzati da noi e da tutte le altre associazione nel comune che fanno capo a noi.

Castello via De Gasperi visuale nord Ponte sul Lura

Lurate

Utente sconosciuto. Effettua il login

prova

http://www.prolocoluratecaccivio.it/file_download/2/proloco_notizie_1_0-page0.jpg

Continua a leggere ->

file: proloco_notizie_1_0-page0.jpg [497,84kB]
Categoria:
download: 98proloco_notizie_1_0-page0.jpg

01 agosto 2016 | nessuna categoria |

Lurate Caccivio In Treno - Festa del Paese 2012

25 maggio – ore 20.45- Biblioteca comunale

Continua a leggere ->

14 maggio 2012 | nessuna categoria |

GITA A MONDOVI' (CN)

ProLoco di Lurate Caccivio
gita a
MONDOVI’ (CN)
Domenica 30 ottobre 2011

Continua a leggere ->

12 ottobre 2011 | nessuna categoria |

Serata Degli Auguri 2011

scrivo altro

Continua a leggere ->

05 ottobre 2011 | nessuna categoria |

Serata auguri 2010

Vi aspettiamo numerosi presso il teatro Pax alle ore 20,30 del 7 Dicembre!

Continua a leggere ->

13 novembre 2010 | nessuna categoria |

Nuovo sito online

Risulta online dal primo weekend di maggio il nuovo sito della proloco di Lurate Caccivio.
Questa nuova versione ricalca il nuovo stile grafico che si sta divulgando recentemente online denominato web 2.0 che attribuisce un più corretto uso della semantica al codice e una più semplificata gestione dei contenuti grazie all’uso di un CMS che, in questo caso è l’ottimo Textpattern

Continua a leggere ->

22 aprile 2009 | nessuna categoria |

In breve della provincia

Frontalieri, troppo smog Il carpooling è la soluzione

Due milioni di franchi dal ministero dell'Ambiente per incentivare il trasporto aziendale

Italia e Svizzera unite per combattere l’inquinamento ambientale legato al frontalierato. Si parlerà di carpooling, trasporto aziendale e di posteggi riservati ai pendolari domani sera a Coldrerio durante la prima riunione transnazionale a cui parteciperanno i capi di discastero ambiente di 15 Comuni del Mendrisiotto e una trentina di amministratori locali dei comuni della provincia di Como. Obiettivo: trovare soluzioni che permettano di abbattere del 30% il numero dei mezzi in transito e dei valori di polveri sottili. n traguardo che il Cantone svizzero ha deciso di finanziare con 2milioni di franchi destinati al rafforzamento e all’organizzazione del trasporto aziendale, che per questo motivo sarà al centro del tavolo di confronto. «L’industria ticinese - spiega Matteo Muschietti, capo del dicastero ambiente di Coldrerio - fa redditoed è giusto che partecipi alla risoluzione di questo problema; l’inquinamento infatti riguarda tutti, è una questione che non ha barriere né confini, lo smog provoca danni al sistema respiratorio da entrambe le parti del confine e per questo dobbiamo lavorare assieme».

Sono 35mila le auto che ogni giorno entrano in Ticino dai valichi di frontiera italiani, 15mila solo dalla dogana di Chiasso ed altre 10mila da quella di Bizzarone, e l’obiettivo è quello di arrivare il prima possibile almeno a 24mila unità; per farlo è però indispensabile lavorare sul carpooling, sui mezzi di trasporto pubblico locale e sulla creazione di posteggi ad hoc specialmente in territorio italiano. Tra le idee che saranno presentate anche quella di attivare nuove linee transfrontaliere degli autobus. «Attualmente - spiega Mirko Baruffini, consigliere delegato alla mobilità della Provincia di Como - sono attive due linee transfrontaliere, la 1 e la 12, ma chiederò che dall’anno prossimo possa essere estesa fino in territorio svizzero, a Mendrisio, anche il C70 che è la linea di bus che attraversa l’olgiatese, territorio da cui ogni giorno partono circa 10mila frontalieri. Attivare una serie di collegamenti diretti può essere parte della soluzione». Contemporaneamente si cercheranno anche aree da destinare a posteggio in zone di frontiera, sulla scia di quanto fatto a Bizzarone, Uggiate Trevano e Faloppio dove però ad oggi la gran parte degli stalli messi a disposizione restano vuoti. Per questo, assicurano Muschietti e Baruffini, verrà proposto alle aziende di offrire incentivi per chi utilizza il carpooling. «Un’altra idea che porterò alla riunione di domani - conclude Baruffini - è quello di valutare la fattibilità di creare corsie veloci alle dogane destinate a mezzi pubblici e a chi condivide l’auto per andare al lavoro».

Appiano, la maxi antenna sarà smantellata

La promessa del sindaco dopo le proteste dei cittadini

Sarà smantellata l’antenna per telefonia mobile che, dall’alto dei suoi 36 metri, svetta sulla collina di Villa, in via Pozzone, nell’area comunale davanti al serbatoio. Alla scadenza del contratto, il Comune revocherà la concessione. Il tema è tornato d’attualità dopo che, in via Pozzone, sono comparsi volantini con cui s’invita il sindaco a eliminare la maxi-antenna.

«Sollecitiamo il sindaco a firmare la disdetta del contratto con la Telecom per rimuovere il ripetitore – si legge sul volantino anonimo – Se non verrà data disdetta entro il mese di maggio, il contratto si rinnoverà tacitamente per altri dieci anni. Ora è possibile rimuovere il ripetitore con il nuovo piano regolatore». Volantino che, al di là della correttezza delle scadenze indicate, pone un problema molto sentito specialmente tra i residenti in località Villa, che già ai tempi dell’installazione si riunirono nel comitato “no all’antenna” per contrastarne l’attivazione sia per ragioni di natura paesaggistica, sia a tutela della salute.

«Il problema è già superato perché, alla scadenza, procederemo alla revoca della concessione – spiega il sindaco Carlo Pagani – Il contratto ha una durata di nove anni e, alla scadenza, non sarà rinnovato. Ne avevamo parlato l’anno scorso in giunta e avevamo concordato che, entro i termini previsti, daremo la disdetta. Preferiamo non avere più quella “torre” installata a Villa, per cui non rinnoveremo il contratto alla scadenza».

L’articolo completo su La Provincia di mercoledì 22 marzo

Bruciano i rami tagliati di un lauro Multa da 118 euro per due pensionati

A Ronago dalle guardie ecologiche volontarie della Provincia

Ramaglie bruciacchiate di lauro sono costate a due pensionati 118,78 euro di sanzione per “aver bruciato scarti di giardino in prossimità di zona boschiva”. Così dice il verbale delle guardie ecologiche volontarie della Provincia di Como, tenuto in bella evidenza sulla credenza di casa, tra ira, scoramento ed attestazioni di solidarietà di parenti, amici e conoscenti.

La vicenda risale a mercoledì 15 marzo, ore 9 circa, sull’aia da tremila metri quadrati fuori dall’abitazione di due pensionati , 74 anni lei e 79 lui, 1.045 euro di pensione al mese in due.

Il racconto

La sanzione, se pagata entro 60 giorni, è pari al 10 per cento della pensione, osserva la destinataria. Altrimenti, raddoppia. Chissà se sono gli unici multati, è l’interrogativo, in un paese dove si alzano spesso colonne di fumo, il mattino presto o la sera tardi, il sabato e la domenica, nei giardini a ridosso delle case.

«Non sono gli unici - spiega Marco Testa, comandante della Polizia provinciale e coordinatore delle guardie ecologiche volontarie - In questo periodo, il rischio di incendi è molto alto, tanto che ogni giorno, la Protezione Civile emana un avviso di pericolosità – spiega – E di fronte ad una sensibilità elevata e giustificata negli operatori ambientali, si assiste ad una sottovalutazione da parte di chi dà fuoco alle sterpaglie, anche nel proprio giardino

In questa sezione apparirà il servizio gratuito di http://www.3bmeteo.com


© 2009 Proloco Lurate Caccivio :: P.IVA 02218260137 :: Sito web realizzato da Casalegno Marco
Powered by TXP - Admin

Tutte le informazioni e le immagini sono rilasciate sotto licenza secondo la Creative Commons License 2.0.