Esegui la ricerca

Proloco di Lurate Caccivio

Benvenuti

Benvenuti nel sito web dell’ Associazione Pro Loco di Lurate Caccivio. Nostro compito presentare a voi visitatori il nostro paese e tutte le sue bellezze, nonchè gli eventi che si svolgeranno durante l’anno organizzati da noi e da tutte le altre associazione nel comune che fanno capo a noi.

Castello via De Gasperi visuale nord Ponte sul Lura

Lurate

Utente sconosciuto. Effettua il login

prova

http://www.prolocoluratecaccivio.it/file_download/2/proloco_notizie_1_0-page0.jpg

Continua a leggere ->

file: proloco_notizie_1_0-page0.jpg [497,84kB]
Categoria:
download: 105proloco_notizie_1_0-page0.jpg

01 agosto 2016 | nessuna categoria |

Lurate Caccivio In Treno - Festa del Paese 2012

25 maggio – ore 20.45- Biblioteca comunale

Continua a leggere ->

14 maggio 2012 | nessuna categoria |

GITA A MONDOVI' (CN)

ProLoco di Lurate Caccivio
gita a
MONDOVI’ (CN)
Domenica 30 ottobre 2011

Continua a leggere ->

12 ottobre 2011 | nessuna categoria |

Serata Degli Auguri 2011

scrivo altro

Continua a leggere ->

05 ottobre 2011 | nessuna categoria |

Serata auguri 2010

Vi aspettiamo numerosi presso il teatro Pax alle ore 20,30 del 7 Dicembre!

Continua a leggere ->

13 novembre 2010 | nessuna categoria |

Nuovo sito online

Risulta online dal primo weekend di maggio il nuovo sito della proloco di Lurate Caccivio.
Questa nuova versione ricalca il nuovo stile grafico che si sta divulgando recentemente online denominato web 2.0 che attribuisce un più corretto uso della semantica al codice e una più semplificata gestione dei contenuti grazie all’uso di un CMS che, in questo caso è l’ottimo Textpattern

Continua a leggere ->

22 aprile 2009 | nessuna categoria |

In breve della provincia

L’ex oratorio femminile scatena le polemiche

La scelta di Melis: alienare per sanare i debiti. Ma l’opposizione insorge: «C’era un progetto»

Tutto è partito da due esigenze: quella di mettere in liquidazione la società Solbiate Olona servizi come la normativa richiede e quella di disporre della liquidità necessaria per appianare un debito con il consorzio Fiume Olona. Per raggiungere il duplice obiettivo, l’amministrazione comunale del sindaco Luigi Salvatore Melis ha deciso di mettere in vendita l’ex oratorio femminile.

«La situazione debitoria che il comune aveva contratto non certo sotto la nostra amministrazione – spiega il primo cittadino – riguardava sia l’Ato che il fiume Olona. Per quanto riguarda il primo abbiamo praticamente proceduto all’azzeramento, restano ora da saldare quelli con il fiume Olona; e per poter avere le liquidità necessarie abbiamo ritenuto di dover procedere all’alienazione dei locali dell’ex oratorio femminile perché non esiste altro bene che quell’immobile che possa consentire di venire a capo di questa situazione».

I debiti ammontano a circa 900 mila euro e l’Amministrazione ha l’orientamento di cominciare a ridurli fino a mezzo milione di euro. Una mossa, quella di alienare i locali dell’ex oratorio femminile, rispetto alla quale l’opposizione di “Buongiorno Solbiate”, nelle parole del suo capogruppo Lorenzo Brogin, ha manifestato netta contrarietà: «Questa vendita di un patrimonio dell’ente per di più coperto dalle tariffe dei cittadini non è affatto giustificata» mettendo l’accento sul fatto che per quell’immobile era stato elaborato un progetto di ristrutturazione.

«Certo – ha controbattuto Melis – peccato che quella progettata ristrutturazione poi non sia però mai avvenuta». Il primo cittadino, dal canto suo, ha tenuto a ribadire come sotto la sua amministrazione i costi di Solbiate servizi siano stati sottoposti a un’operazione di alleggerimento: «Avevamo tre revisori dei conti a 30 mila euro e li abbiamo tolti e in più avevamo un consiglio d’amministrazione di cinque componenti pagati e l’abbiamo ridotto a presidente, insomma ci si è mossi nella direzione di un contenimento delle spese tagliando ciò che non ci sembrava opportuno».

Dopo il Como... c’è il Fenegrò Squadra ancora in Eccellenza

Sull’edizione de La Provincia di oggi commenti e interviste sulle squadre protagoniste del calcio dilettanti, con classifiche marcatori e Top 11

Oggi nella pagina speciale Calcio dilettanti:

Intervista a Ivan Stincone, allenatore del Fenegrò, prima squadra del vertice del calcio dilettantistico comasco, sopra... c’è solo il Como.

Stincone, promosso dalla Juniores, ha portato la squadra alla salvezza matematica dopo un periodo di crisi. «La situazione era difficile, non tanto per la classifica, ma per l’andamento di quel periodo. A livello mentale il gruppo era depresso, anche per colpe proprie. Ma ha avuto la capacità di mettersi a disposizione, dimostrando qualità e senso di appartenenza». Sabato Stincone aveva festeggiato la vittoria del campionato della sua Juniores regionale: «Fantastici, ci hanno fatto vivere un’altra annata fantastica. Ancora più bella, perché abbiamo vinto rincorrendo, il che dà più gusto all’impresa». Il dg Luca Bocconcello, con tante scelte azzeccate soprattutto sui giovani, è stato uno degli artefici di questi cinque anni ad alto livello tra i dilettanti: «Del futuro ora non parlo, la stagione è da finire. Ci tengo solo a ringraziare il presidente Saibene e Fabio Sgroi, Paolo Carà e Luca Oliviero, dirigenti che ci sono stati vicinissimi».

Spazio poi alla Vasca per la prima volta ai playoff di Seconda categoria. Mister Carmelo Pellicanò: «Siamo migliorati durante la stagione, nello stesso tempo sono cresciuti alcuni giocatori, come Cossa, Riva e Tettamanti, ma anche con certezze come bomber Rizzo e Duartes, che tecnicamente vale l’Eccellenza se non di più›

Fa festa anche la Virtus Cermenate, sicura ripescata in Seconda (categoria mai raggiunta). Il presidente Fabrizio Garone: «Grandissima gioia, un obiettivo che volevamo e che abbiamo raggiunto grazie soprattutto all’impegno dei ragazzi e alla bravura di mister Pierangelo Volonterio, che il prossimo anno vorrebbe smettere di allenare, ma farò di tutto per convincerlo a restare ancora con noi».

Rapina tragicomica con fumogeno Ferito e arrestato uomo di Berbenno

Ha tentato di saccheggiare un supermercato in Brianza: per curare le ustioni usa l’alcol appena rubato.

Rapinatore “ultras” in trasferta da Berbenno. In azione con i fumogeni ha tentato di saccheggiare un supermercato in Brianza, ma è finito in manette e per più ustionato a un braccio. Il protagonista di questa vicenda dai contorni tragicomici è un uomo di 34 anni, valtellinese. L’uomo pensava probabilmente di dileguarsi attraverso il fumo di alcuni fumogeni, ma il piano è finito malissimo, con tanto di veloce trasferimento in ospedale per le cure mediche del caso.

Ma andiamo con ordine. I fatti si sono svolti nel pomeriggio di giovedì: intorno alle 17.30 il rapinatore ha tentato il singolare assalto al negozio, facendo irruzione al Pozzoli Market di via Mascagni a Desio. In realtà, stando alle prime ricostruzioni, l’uomo almeno inizialmente si sarebbe comportato come un cliente di tutti i giorni.

In quel momento, peraltro, erano diversi i clienti che si stavano aggirando tra le corsie del market di Desio. Sempre secondo le prime informazioni il rapinatore avrebbe saccheggiato alcuni scaffali asportando in particolare bevande alcoliche. Poco prima delle 18 si sarebbe avvicinato alla cassa, ma a ridosso della cassiera ha estratto un fumogeno, innescandolo con l’obiettivo di crearsi una via di fuga, scappando attraverso il fumo colorato che si è sprigionato in un lampo.

Un diversivo che gli ha fatto guadagnare dei secondi preziosi per allontanarsi, almeno in un primo momento. Dalla confusione generata dal cliente, che aveva scambiato il supermercato per la tribuna di uno stadio di calcio, è scattata tuttavia la richiesta di aiuto da parte degli addetti del supermercato.

Il fuggitivo, nel frattempo, aveva richiesto l’intervento da parte del 118: durante la rocambolesca fuga da film, infatti, era rimasto ferito in maniera seria al braccio destro riportando ustioni di primo e secondo grado. Per curarle avrebbe versato sulla mano l’alcol appena rubato, ma il metodo fai da te in realtà si sarebbe rivelato ancora più dannoso. La richiesta di soccorso ha insospettito i carabinieri della Compagnia di Desio che hanno subito ipotizzato potesse trattarsi dello stesso individuo che pochi minuti prima aveva creato il panico in via Mascagni. I militari, impegnati sul territorio con tre pattuglie, lo hanno rintracciato bloccandolo.

Dopo una serie di accertamenti lo hanno identificato e sulla base degli elementi raccolti lo hanno arrestato. Prima del trasferimento in carcere a Monza, il ferito è stato accompagnato in ospedale a Desio dove è stato sottoposto agli accertamenti medici necessari a scongiurare complicazioni. Lo hanno dimesso riconoscendogli una decina di giorni di prognosi.

Madonna di Fatima Ultima processione a furor di popolo

Uggiate Trevano, i fedeli hanno chiesto e ottenuto di portare la statua ancora in corteo per le strade. Poi il saluto conclusivo, con la partenza in elicottero

Processione “a furor di popolo”, il popolo della Madonna Pellegrina. Incontenibile come un’onda di mare, come un impeto d’anima, la processione s’è organizzata spontaneamente ieri per accompagnare la statua di Fatima al decollo con l’elicottero, spiazzando gli organizzatori.

Ieri, era l’ottavo ed ultimo giorno di permanenza della Madonna nella terra di frontiera e tutto andava secondo copione: la chiesa ha aperto alle sei del mattino e un quarto d’ora prima, già in 30 fuori ad aspettare che il portone aprisse. La Messa conclusiva era alle 14,30, celebrata dal vescovo emerito di Lugano Piergiacomo Grampa.

Al termine della Messa, la Madonna è stata portata sul sagrato, tra la folla assiepata e centinaia di palloncini bianchi ed azzurri, un pensiero legato ad ogni filo, sono volati in cielo, tra gli applausi. A quel punto, doveva essere finita, la Madonna doveva partire. E invece, no: come la portantina s’è mossa, tutti si sono accodati, bambini, carrozzine, gambe trascinate, scarpe con il tacco, giacche intorno alla vita, mariti con il braccio intorno alle spalle della moglie, donne con il Rosario in mano. Si va. E subito sono stati chiamati vigili e protezione civile per organizzare il corteo.

Ampio servizio sul quotidiano La Provincia in edicola lunedì 24 aprile

In questa sezione apparirà il servizio gratuito di http://www.3bmeteo.com


© 2009 Proloco Lurate Caccivio :: P.IVA 02218260137 :: Sito web realizzato da Casalegno Marco
Powered by TXP - Admin

Tutte le informazioni e le immagini sono rilasciate sotto licenza secondo la Creative Commons License 2.0.