Esegui la ricerca

Proloco di Lurate Caccivio

Benvenuti

Benvenuti nel sito web dell’ Associazione Pro Loco di Lurate Caccivio. Nostro compito presentare a voi visitatori il nostro paese e tutte le sue bellezze, nonchè gli eventi che si svolgeranno durante l’anno organizzati da noi e da tutte le altre associazione nel comune che fanno capo a noi.

Castello via De Gasperi visuale nord Ponte sul Lura

Lurate

Utente sconosciuto. Effettua il login

prova

http://www.prolocoluratecaccivio.it/file_download/2/proloco_notizie_1_0-page0.jpg

Continua a leggere ->

file: proloco_notizie_1_0-page0.jpg [497,84kB]
Categoria:
download: 179proloco_notizie_1_0-page0.jpg

01 agosto 2016 | nessuna categoria |

Lurate Caccivio In Treno - Festa del Paese 2012

25 maggio – ore 20.45- Biblioteca comunale

Continua a leggere ->

14 maggio 2012 | nessuna categoria |

GITA A MONDOVI' (CN)

ProLoco di Lurate Caccivio
gita a
MONDOVI’ (CN)
Domenica 30 ottobre 2011

Continua a leggere ->

12 ottobre 2011 | nessuna categoria |

Serata Degli Auguri 2011

scrivo altro

Continua a leggere ->

05 ottobre 2011 | nessuna categoria |

Serata auguri 2010

Vi aspettiamo numerosi presso il teatro Pax alle ore 20,30 del 7 Dicembre!

Continua a leggere ->

13 novembre 2010 | nessuna categoria |

Nuovo sito online

Risulta online dal primo weekend di maggio il nuovo sito della proloco di Lurate Caccivio.
Questa nuova versione ricalca il nuovo stile grafico che si sta divulgando recentemente online denominato web 2.0 che attribuisce un più corretto uso della semantica al codice e una più semplificata gestione dei contenuti grazie all’uso di un CMS che, in questo caso è l’ottimo Textpattern

Continua a leggere ->

22 aprile 2009 | nessuna categoria |

In breve della provincia

Fall: «Perché il Como? Mi ha convinto Corda»

L’attaccante senegalese ha esordito domenica .«Sono venuto in Italia a 16 anni, volevo giocare a calcio». «Ne ho viste davvero tante, ma ho sempre segnato»

La prima è andata bene. Ameth Fall, arrivato al Como davvero poche ore prima della partita con il Pavia, ha affrontato bene la prima mezz’oretta di esordio, contribuendo a costruire il risultato finale e suscitando buoni giudizi anche tra i tifosi.

Como e il Como possono essere la piazza giusta per l’ennesima nuova avventura di Ameth, ventiseienne senegalese in Italia da dieci anni, arrivato nel nostro paese con un progetto preciso. Appunto quello di fare il calciatore. Obiettivo centrato, anche passando attraverso varie difficoltà.

«Avevo 16 anni quando arrivai in Italia, dove sono venuto a raggiungere un mio familiare che già viveva qui. A Rimini. Andavo a chiedere di farmi allenare, perchè ero convinto di avere talento. A darmi la possibilità fu la Giovanile Rimini, che faceva il campionato juniores. Ho cominciato così». E lì fu notato dal Cesena, che lo portò nella sua Primavera. Poi Bellaria, e poi via via sempre in Lega Pro. Tra non poche vicissitudini.

«Procuratori sbagliati, una squalifica a Bellaria per un “inconsapevole” tesseramento irregolare, una causa contro la Federazione, poi vinta,quando ero a Lecco. Erano cambiate in corsa le norme sugli extracomunitari, ma io avevo comunque le carte in regola per giocare, invece fui costretto a fermarmi e a dimostrare le mie ragioni...». Intanto, però «sono sempre riuscito a giocare e a segnare, anche se credo che la mia carriera avrebbe potuto essere migliore senza questi incidenti di percorso. Di mezzo c’è stata anche una frattura al perone, mentre giocavo a Ischia. E una possibilità sfumata di giocare in B con la Salernitana, che mi fece un contratto che per motivi indipendenti da me non fu mai applicato..».

E qualche episodio particolare, come quando, in Monza-Rimini, l’arbitro fermò la partita per insulti razzisti nei suoi confronti. Le cronache dicono che fu lui a chiedere di interrompere, «in realtà non fu esattamente così. Certo non fa piacere, ma i tifosi certe cose le dicono anche senza pensarci troppo, per indispettirti in quanto avversario... a me queste cose anzi danno carica, infatti quella domenica segnai pure due gol».

Sulla sua strada anche il Barletta, dove incontrò Ninni Corda. «E Corda da qualche mese mi stava proponendo il Como. Inizialmente non trovammo l’accordo economico, e mi sono guardato intorno anche in Lega Pro. Ma le proposte non erano convincenti e solide. E preferisco scendere di categoria ma avere davanti un progetto importante piuttosto che rischiare di affrontare situazioni incerte: sono passato anche da tre fallimenti...».Insomma, la voglia di riscatto di Fall è tantissima. «E ho visto tanta voglia di tutti in questa partita, la squadra mi piace molto. Io sono una prima punta, in grado di giocare con tutti i moduli. Mi piace giocare per me e per i compagni». E infatti, ha cominciato passando la palla a un compagno, Cicconi, che ha fatto gol.

Olgiate, nuova segnaletica Piazza Volta a misura di pedone

Sono bastati alcuni piccoli ritocchi per contrastare sosta selvaggia all’uscita degli studenti. E spuntano anche parcheggi gratuiti che non c’erano

Piazza Volta più sicura e ordinata. È l’effetto di piccoli adeguamenti viabilistici ottenuti con alcuni interventi sulla segnaletica stradale, a cura della polizia locale.

Piccoli ritocchi, ma che hanno dato più agio ai pedoni e limitato lo spazio carrabile troppo spesso utilizzato per soste “selvagge” specialmente nelle ore di punta in concomitanza con l’entrata e soprattutto uscita degli studenti della vicina scuola media.

E’ stato allargato il passaggio pedonale addossato agli edifici posti sul fronte sinistro della piazza e ridisegnati i posteggi a lisca di pesce. Disposizione che ha consentito di ricavare uno stallo in più in una zona dove è insediata una serie di attività commerciali, proprio su quel lato della piazza. E’ stato spostato in avanti di circa quattro metri lo stop per i veicoli che da via Volta si devono immettere in piazza Volta ed è stata creata la corsia di andamento lungo Vicolo Giovio, la strada che da piazza Umberto (dove ha sede la biblioteca) scende verso piazza Volta e via Lucini.

La modifica ha portato una riqualificazione complessiva della zona con un minimo dispendio di risorse.Soddisfatto il sindaco: « Abbiamo ricavato quattro stalli bianchi (non a pagamento), uno in più di quelli preesistenti, in una zona dove i parcheggi servono sia per la presenza di attività commerciali, che di servizi pubblici (Comune, scuola media)».

L’articolo completo su La Provincia di venerdì 22 settembre

In questa sezione apparirà il servizio gratuito di http://www.3bmeteo.com


© 2009 Proloco Lurate Caccivio :: P.IVA 02218260137 :: Sito web realizzato da Casalegno Marco
Powered by TXP - Admin

Tutte le informazioni e le immagini sono rilasciate sotto licenza secondo la Creative Commons License 2.0.